Vetrofusione e lavorazione del vetro


Tutti i nostri prodotti a catalogo sono realizzati seguendo tecniche di lavorazione del vetro alla cui base c’è la vetrofusione.

 

Una tecnica di lavorazione del vetro millenaria

Più della vetrofusione è nota la soffiatura del vetro, che a partire dal 500 d.C. prese il sopravvento sulla prima perché permetteva di realizzare nuovi volumi.
Tuttavia nel corso del tempo la fusione del vetro ha subìto cambiamenti e innovazioni arricchendosi di tecniche via via più articolate e sofisticate. Attualmente la vetrofusione risulta essere una tecnica ancora in evoluzione e la sua forza consiste nella fantasia dei suoi artigiani, i maestri vetrai,  che con la loro esperienza riescono a perfezionare nuovi metodi di lavorazione, sviluppando prodotti inediti ed esaltando il risultato della lavorazione.
Oggi la vetrofusione artistica abbraccia settori tra cui l’arredo, con la produzione di vetrate in vetro fuso di particolare bellezza; oggetti di decoro ed elementi destinati all’arredo bagno, come i lavelli in cristallo fuso; accessori, centro tavola, quadri e pannelli, etc.

 

La maestrìa dei vetrai per opere uniche

Per lavorare in vetrofusione è necessario fondere pezzi di vetro ad alta temperatura nel forno adatto, spesso estrapolandoli da un progetto precostituito che includi vetri artistici.
La vetrofusione è un delicato processo termico che consiste nel portare gradualmente una lastra di vetro alla temperatura di fusione di circa 800 gradi e poi di ricondurla ancora più lentamente alla temperatura ambiente. Tutti i vetri usati, trasparenti e colorati, devono essere compatibili tra loro, ossia devono avere lo stesso coefficiente di dilatazione durante la fusione.

Ogni vetro è prodotto da Vévéglass interamente a mano in tutte le sue fasi:

  • taglio dei vari pezzi;
  • posizionamento nel forno;
  • lavaggio dello stesso pezzo;
  • rifinitura manuale (quando si rende necessaria).

 


Contatti Vévé glass

Inserisci la tua e-mail e ti contatteremo al più presto.